mercoledì 6 novembre 2013

Weekly Movie Corner: quando gli osti parlano di cinema.

Oggi si va di film leggeri, non ho voglia per niente di roba impegnativa.

Le Nuove Comiche


Titolo: Le Nuove Comiche
Regia: Neri Parenti
Durata: 102 min
Anno: 1994
Genere: Comico
Cast: Paolo Villaggio, Renato Pozzetto, Ramona Badescu, Luigi Petruci.

Trama: Paolo e Renato, usciti da un televisore durante una rapina in un negozio si trovano in diverse situazioni, durante le quali combineranno un disastro dietro l'altro.


Parliamone: Diaz, in realtà non c'è molto di cui parlare. Ogni tanto può salirvi anche a voi la scimmia di guardare qualcosa di ancor meno impegnativo no? Tipo che anche la trama non è fondamentale, basta solo vedere una serie di sequenze animate, messe insieme alla bell'e meglio.


Ecco, perché nella prestazione del duo Pozzetto - Villaggio non c'è una trama precisa, ma si tratta di una serie di episodi a caso, senza interconnessioni particolari; ma tante gag che possono risultare divertenti. Dico possono perché tutto dipende dal vostro senso dell'umorismo. Per dirvene una, questo credo sia stato l'ultimo film in cui un tizio un po' effeminato (finto, non sia mai eh) poteva essere preso un po' in giro (un pochino con cattiveria in realtà) senza per questo essere accusati di omofobia; inoltre dare del "culattone" al succitato non era ancora discriminazione, in ogni caso faceva sorridere più per il modo in cui veniva detto che per ridere di una persona. Ovviamente non posso fare analisi di carattere tecnico, in quanto non siamo davanti ad una pellicola che eccelle né per contenuti, né per recitazione, nemmeno per temi toccati, fotografia, montaggio und so weiter...
Una, anzi, due cose posso dirvele. La prima, è che rintracciamo una giovanissima e statuaria Ramona Badescu (ci scappano anche un paio di scene di nudo pressoché integrale).


La seconda cosa non ve la dico, cioè non che non voglio, però ve la linko. Trattasi infatti del film completo per chi avesse troppo tempo da perdere e volesse buttare via un'ora e mezza della sua vita guardando della grezza e becera ironia.



Matt - Il Locandiere


Nessun commento:

Posta un commento