lunedì 11 novembre 2013

Il Lunedì del Locandiere.

Buongiorno cari amici, è Lunedì per tutti e, dopo un week-end per niente male, in cui ho scoperto uno dei paradossi dell'umanità, torniamo in onda. Se dovessi dare un titolo all'articolo che mi accingo a comporre, allora esso sarebbe:

Umorismo Cattivo del Lunedì, ovvero ridere della propria misantropia per evitare inutili stragi.

In particolare parliamo di cartoni animati, o meglio, di certi cartoni animati. Conobbi queste piccole perle di rara bellezza ancora ai tempi delle medie, su MTV se non sbaglio, quando ancora trasmettevano video musicali e non teenagers pregne, la sera tardi, durante le lunghe insonni notti adolescenziali, spesso mi intrattenevo con codesti gai spettacoli di rara violenza.
Di primo acchito possono dare l'idea di qualcosa di poco politically correct, ma ehi, c'è qualcosa davvero di politicamente corretto nel mondo? Anyway, stiamo parlando di quell'allegra serie internettiana di Mondo Mini Show chiamata Happy Tree Friends, che tradotto pedestramente in italiano sarebbe gli Amici dell'Albero Felice.
Questo cartone, o meglio, questa serie è stata realizzata tutta in Adobe Flash. Caratteristica saliente è la morte violenta e atroce a cui vanno incontro i vari personaggi in ogni episodio, morte che ricorda un po' gli episodi di Grattachecca & Fichetto o, per restare in ambito cinematografico, quell'infausta serie di film nota ai più come Final Destination. Ma vogliamo conoscere qualcuno dei personaggi degli HTF?


Lumpy: è un alce strabico, cerebroleso che non fa altro che combinare casini. Per l'economia della serie sarebbe un adulto, infatti ogni tanto lo si vede pure lavorare (come optometrista, come chirurgo, come idraulico, come regista, come pompiere). Gli esiti dei suoi lavori sono sempre sciagure e morti atroci per gli altri poveri personaggi. Possiamo dire che si tratta del mio personaggio preferito, assieme all'altro che sto per presentare.


Flippy: è un altro personaggio che possiede un lavoro, di fatti è un militare dei corpi speciali. Ma ha una particolarità, al minimo rumore approssimabile a quello di uno sparo (tipo scoppiettio di pop corn, lampadine che cadono e si rompono) o alla vista di qualcosa di rosso (tipo il ketchup), si trasforma in un mostro di insensata crudeltà, rivivendo flashback da reduce del Vietnam, massacrando indistintamente tutto ciò che lo circonda. Il fatto che soffra di disturbo post traumatico da stress lo fa sembrare molto a Rampo, in un episodio lo vediamo anche intento a curare questo suo disturbo con esiti...beh...negativi.


Petunia: è una moffetta, porta al collo un Arbre Magique ed è una fanatica della pulizia; infatti basta solo un minimo segno di sporcizia per farle venire dei violenti e duraturi attacchi di panico o delle crisi isteriche. Inutile dirvi che una buona parte delle sue morti è legata a situazioni sporche e maleodoranti!


Nutty: è la versione all'acqua di rose dei tossicodipendenti, infatti questo scoiattolo verde dal corpo ricoperto di dolciumi ha sviluppato una particolare dipendenza verso lo zucchero e tutte quei cibi a base di glucosio. Dipendenza che lo porterà a soffrire atrocemente e a uccidere i suoi amichetti di merende. Altro tratto di Nutty (che significa strano) è l'iperattività, che lo fa muovere col rumore di un martello pneumatico, ricordandoci un pochino il Diavolo della Tasmania.


Cuddles: che significa coccole, è un tenero coniglietto giallo, che porte delle pantofole a forma di...uh...coniglio. Sportivo e sempre molto attivo, un po' bulletto certe volte. Tendenzialmente muore per mano di Flippy, di solito esplodendo in migliaia di pezzettini o smembrato.


Giggles: tenera orsetta rosa, con un gran fiocco sulla testa. Rappresenta tutta la dolcezza e la gentilezza del colorato mondo degli Happy Tree Friends, è la migliore amica di Petunia ed ha una circa relazione con Cuddles. Anche lei muore spesso...e male.


Handy: il più grande mistero della fisiologia, pur non avendo le mani, questo castoro arancio è un muratore/meccanico provetto. Costruisce, guida, fa e disfa senza alcun problema. Non si sa come. Spesso cade vittima delle sue stesse costruzioni, nonostante abbia un caschetto che lo protegge parzialmente. Soffre di epilessia.

Quanto sono cattivi da 1 a infinito questi cartoni? Infinito sicuramente. L'apertura è idilliaca, con i nostri animaletti preferiti intenti a farsi una scampagnata, oppure la vita procede placida e tranquilla fino a quando l'irreparabile accade...basta un bullone fuori posto o una scheggia di vetro per terra per scatenare un'ecatombe. Per confermare la mia tesi ecco a voi qualche episodio per addolcirvi la mattinata e per non evitare di farvi commettere una strage al lavoro o tra i banchi dell'università!





Ne avete per più di un'ora, quindi cercate di essere improduttivi per tutto questo tempo.

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento