domenica 13 ottobre 2013

Il Lunedì del Locandiere.

Spulciando un po' le statistiche notavo come la Top 10 in rosa avesse già conquistato un posto nei cuori degli Avventori, del resto tira più un PDF che un carro di buoi, figuriamoci un docx.
Ieri è stata una giornata particolarmente uggiosa, che mi ha prosciugato energie e voglia, giuro! Sarà stato complice il pranzo luculliano a casa della nonna; si sa, le nonne non si smentiscono mai in fatto di porzioni.
Sta di fatto che, dopo un pomeriggio di totale abbiocco, mi sono messo al computer con l'idea di prendermela con qualcuno...tipo con i leoni da tastiera.
Sì, ma con quali forze?
Non ce l'ho fatta. Mi sono sentito ottuso e scontato, non posso di certo propinarvi qualcosa di scontato e stupido, sicché ho deciso di cambiare argomento.
Sulla scia degli argomenti precedenti anche oggi parliamo di videogames. Ancora? Ma perché non lo chiami il Lunedì del Videogiocatore?
Perché saranno anche cazzi miei, vi pare? C'è da dire una cosa, però. In molti hanno apprezzato le recensazio sui giochini di simulazione, ergo oggi vi propongo l'ultimo ritrovato...quello che secondo me vince e stravince il Locandino d'Oro come miglior videogioco di Simulazione 2013. Signore e signori oggi si parla di:

Farming Simulator 2013


GIANTS ENTERTAINMENT, che ve lo dico a fà? Celeberrima casa produttrice della miriade di giochi di simulazione che mi intasano il disco C:.
Che si farà mai in Farming Simulator? Per chi non lo sapesse, si tratta di un simulatore di fattoria.


CHE SI FA?


Innanzitutto siamo in un'amena località della Tedeschia, non si sa precisamente dove, ma siamo in Tedeschia. Partiremo con un paio di trattori indecenti ed una scassatissima mietitrebbia (cara grazia a possederne una!) e avremo a disposizione un microscopico fazzolettino di terra pronto da trebbiare. Il passo che ci separa dall'essere dei latifondisti non è poi così breve. Innanzitutto partiremo con un capitale davvero irrisorio, giusto il minimo indispensabile per mantenere i due trattori in croce che possediamo, senza scialare eh!
Va bene pensare in grande, ma vi sconsiglio investimenti azzardati, vi fareste più male che bene. Senza contare che i mutui vanno ripagati, con gli interessi oltretutto.
Quindi sarebbe meglio partire in sordina, usando il fazzolettino di terra che ci è stato concesso fino a mettere da parte un cospicuo capitale, così da poter vendere i vecchi macchinari per acquistarne di nuovi.
Ovviamente più soldi avrete, più dovrete spenderne per acquistare terreni, fare il pieno ai vostri mezzi, riempirli di semenze o fertilizzanti e via discorrendo.
I terreni vanno trattati coi guanti, seminateli e concimateli, così da avere una resa notevolmente migliore e attendete il verde per la raccolta; ma fate presto! Se non sarete celeri vi ritroverete un campo riarso dal sole, coperto da steli rinsecchiti e addio ai vostri guadagni.
Innanzitutto sono state introdotte nuove colture, oltre alla colza, al mais, al frumento e all'orzo, potremo piantare barbabietole da zucchero e patate...
...colture che, ovviamente, richiederanno macchinari adatti allo scopo. Per esempio per le barbabietole da zucchero serviranno dei macchinari come quello dell'immagine.
Una volta effettuato il raccolto, porteremo il prezioso carico verso i silos nella nostra fattoria oppure verso uno dei punti vendita presenti sulla mappa:
  • Il mulino
  • Il porto
  • Il deposito merci
  • La locanda (LOL)
  • Il consorzio agricolo
TUTTO QUI?


Se vi dovesse sembrare poco seminare e coltivare interi ettari (fidatevi che la mappa non è così piccola come sembra) di aperta campagna, vorrei introdurvi orgogliosamente una novità: l'allevamento. Ebbene, a partire da questo nuovo episodio avremo di serie la possibilità di allevare alcuni comuni animali da fattoria:
  • Galline => costano poco e fanno le uova, che potrete vendere al negozio del villaggio per guadagnare qualche soldino.
  • Pecore => costano relativamente poco e sono facili da mantenere, mantenete sempre piena la loro mangiatoia con dell'erba appena falciata e vedrete che vi produrranno la migliore lana di tutta la regione. Lana che poi venderete alla filanda!
  • Mucche => costose e difficili da mantenere, ma che soddisfazioni che vi danno una volta che inizieranno a produrre tonnellate di latte e...letame. Il latte ok, ma il letame? Beh col letame liquido non farete altro che riempire degli appositi carri-botte per concimare i vostri campi senza ricorrere a stronzate chimiche. Ah poi ci sarebbe il concime...ma di quello ne parliamo tra un secondo.
Se tutto ciò non vi sembra ancora abbastanza aspettate di sentire questa. A proposito di mucche, che c'entrano le mucche? C'entrano, c'entrano. Il loro nutrimento è tutto tranne che semplice, avrete bisogno di:
  • Insilato
  • Fieno
  • Paglia
La paglia la si ottiene raccogliendo gli scarti dai campi di orzo e frumento (fin qui ok), il fieno lo si ottiene falciando l'erba, ranghiandola e imballandola (mmm...ok). Ma l'insilato si ottiene in maniera un filo più complessa: si taglia il granoturco con una falciatrice apposita, lo si scarica in una trincea, lo si pigia e lo si lascia fermentare (eh?). Per capirlo ci ho messo anni. Ottenuti i vari ingredienti, li si mescola in parti uguali e, finalmente, la pappa è servita...
Ricordatevi di buttare paglia nella stalla, altrimenti col kaiser che otterrete concime.
Già, ma a che serve il concime oste della malora?
Altra novità carina è l'aggiunta di elementi di decoro (più o meno) che ci consentiranno di generare introiti, tra cui:
  • Le arnie
  • La serra dei pomodori
  • La serra della lattuga
  • La serra delle piante aromatiche
Eccezion fatta per le arnie, le serre necessiteranno di acqua (trasportabile con l'opportuna cisterna) e di concime appunto.
Ma visto che non siete contenti ve ne racconto un'altra. Sarebbe troppo banale usare l'insilato per nutrire delle comuni vacche, ed ecco perciò la genialata: ficcarlo in un impianto di biogas così da ottenere altri quattrini e altro liquame da spandere nei campi.


Ora scusate cari Avventori, ma oltre alla Locanda ho anche una fattoria da mandare avanti...non so se mi spiego.

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento