lunedì 7 ottobre 2013

Il Lunedì del Locandiere.

Incredibile come uno si prende un leggero raffreddore e, pochi giorni dopo, tutta la famiglia ne viene contagiata, peggio della pessima pestilenza che abbia mai imperversato in Occidente. Buongiorno a voi cari lettori, afecionados, o passanti casuali; buon lunedì e buon inizio settimana a tutti voi! Fico, mi piace questo intro, fa tanto annunciatore di Disco Radio!
Anyway, non sono qui per dirvi: resistete fra soli 5 giorni inizia il week-end. No, ve lo dico lo stesso perché sono un sadico schifido. Ma prima di introdurre l'argomento odierno vi do un comunicato che dimenticai di aggiungere alle News: visto che spesso voglio parlarvi di attualità, ma difficilmente accadono cose interessanti quando voglio, ho deciso di lanciare una nuova rubrichetta casuale. In che senso?
Ho deciso di chiamarla Giusto 2 Parole, apprezzate la scarsità di fantasia pls, e niente, si spenderanno due parole, commenti a caldo o a freddo su eventi che mi hanno colpito. Restate sempre all'erta perché non si sa mai cosa possa saltar fuori.
Ma torniamo a noi, di cosa parleremo mai oggi?

Kerbal Space Program: la corsa per lo spazio a portata di clic.

Scoperto quasi per caso grazie ad un mio compagno di università, scopo di questo simulatore (sì, lo so, sono fissato coi simulatori) è quello di portare a compimento il fine ultimo dell'essere umano, cioè esplorare lo spazio.


Questo gioiellino ci consentirà di costruire, testare e pilotare personalmente un numero pressoché infinito di vettori, navicelle spaziali e rover, che potremmo personalizzare in ogni dettaglio. 
Sembrerà quasi banale: ma a noi che cazzo ce ne frega dello spazio, fai un razzo, lo lanci e ciao!
Magari, amici miei...magari!
Infatti, per chi non è avvezzo a ragionare in termini di orbite, gravità, centro di massa e velocità di fuga, non apprezzerà assolutamente questo videogioco. Diaz, in realtà parlo come se fossi un ingegnere aerospaziale; in pratica, per avere successo nell'esplorazione dello spazio basterà seguire poche semplici regole e, soprattutto, i tutorial proposti. Ma andiamo per ordine.

Innanzitutto, noi siamo dei piccoli esserini verdognoli, molto simili ai minions di Cattivissimo Me, e viviamo sul nostro bel pianetino Kerbal, che è molto molto simile alla terra. Avremo a disposizione il nostro spazioporto, contenente:
  • Una rampa di lancio
  • Una pista di decollo/atterraggio
  • Un edificio per l'assemblaggio di razzi, navicelle e vettori vari
  • Un edificio per l'assemblaggio dei mezzi aerei
  • Un'enorme antenna parabolica per monitorare le missioni nello spazio e per prendere Radio Maria
Oltre a Kerbal avremo a disposizione un intero sistema solare da esplorare, con pianeti e rispettive lune tutte lì che aspettano i nostri alter ego o le loro sonde. Se siete rimasti delusi dall'avere a disposizione qualche pianeta ne riparleremo quando dovrete mandare in orbita una palla di alluminio e circuiti di qualche decina di metri di diametro...ingrati.


Prima di saltellare sulla superficie di Mun, la luna ed il primo satellite più vicino al nostro pianeta, bisognerebbe riuscire ad assemblare il primo razzo. Che non è il grosso petardo ACME su cui poggia il culo Willie Coyote, anzi...
Prima di tutto bisognerà conoscere la differenza tra sonde e navicelle (le sonde sono meccaniche, mentre nelle capsule ci sarà l'equipaggio), poi bisognerà farsi una cultura tra i vari tipi di serbatoi (grandi, piccoli, larghi, lunghi, corti, pesanti, leggeri) ed i loro tipi di combustibile (solido o liquido) e dei motori da applicarci.
Non contenti di ciò, i programmatori hanno ben pensato di aggiungere altro materiale, tra cui tutto il necéssaire per costruire...UNA STAZIONE SPAZIALE ORBITANTE!!!! (no, non la morte nera...)
Partiamo dalla base, una volta seguito i tutorial saremo circa pronti per andare in orbita. Costruito il primo vettore, e credetemi che la tentazione di creare bare/bombe volanti sarà molto molto forte, manderemo in orbita il nostro primo satellite.
Delusi?


Guardate il video e poi ditemi. Una volta capite le basi dei viaggi nello spazio, se la Luna ci sembra troppo lontana, possiamo spostarci nell'hangar e costruire bare volanti o aerei superfighi con cui abbattere i limiti di velocità. Oggi sono riuscito a rompere più o meno un milione di volte il muro del suono totalizzando la velocità massima di 1478 m/s a 29.000 metri d'altezza.


Una volta guadagnata una discreta altitudine ( > 60.000 m), dovremo anche preoccuparci di stabilire un'orbita, facendo in modo che il perigeo non scenda sotto gli 80.000 m, altrimenti la gravità farà schiantare la nostra sonda al suolo, disintegrandola in taaaaanti minuscoli pezzettini.
Ma dove si acquista Kerbal Space Program?  Dal sito.
E tu, Locandiere da strapazzo, l'hai comprato? Ecco, non è che l'abbia proprio comprato...però posso dire che lo possiedo, pertanto non vi dirò che potreste trovarlo online...gratuitamente...avete capito no?
Purtroppo non posso raccontarvi molte esosissime esperienze personali, al momento ho un satellite in orbita e un un numero di morti tra gli astronauti esorbitante...in compenso l'aereo che si fa 5300 km/h  spacca. A breve vi posterò le foto!

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento