lunedì 24 giugno 2013

Il Lunedì del Locandiere.

Il Dottor Dovahkiin: ovvero come imparai a non preoccuparmi della sessione estiva e ad amare i Draugr

[Abstract] Ultimo appuntamento col Lunedì del Locandiere prima della pausa estiva, non temete, vi spiegherò meglio sabato con le News del Mese anticipate. Oggi si parla di un videogioco un po' datato, capolavoro della Bethesda che a volte ritorna, ma lo fa nei momenti meno opportuni. Ritorna e alla fine si scopre che il suo arrivo è stato provvidenziale per la salvezza dei nervi di quelli che, come me, sono universitari frustrati alle prese con la sessione estiva d'esami. Disagio totale proprio.

Oggi, tanto per cambiare, mi rivolgo al solito pubblico di nerdssss e appassionati di videogiochi che sono soliti leggere le mie farneticazioni. Ecco, quella di oggi non è una recensione, per carità! Di Skyrim se n'è parlato così tanto che ormai ogni volta che apro Google Chrome, scrivo sulla toolbar: "Skyrim recensione", i suggerimenti mi dicono: 


Forse cercavi Skyrim che due coglioni!

Oggi si parla della potenza distruttiva, in senso buono, di codesto videogioco e dei motivi per cui io, se Skyrim esistesse sul serio, ci andrei a vivere.


Bene o male, chi è avvezzo a Internet come me, ha sentito abbondantemente parlare di TES V, fin troppo a volte. Sappiamo tutti quant'è figherrimo ammazzare draghi, entrare in casa e rubare qualsiasi cosa, correre in mutande per mezzo feudo senza nessuno che ti dica nulla e soprattutto sappiamo tutti il famoso tormentone estate-autunno-inverno-primavera delle Guardie delle città:


Ogni soldato era un avventuriero, ognuno di loro si era preso (a suo tempo) una freccia nel ginocchio...probabilmente era una sorta di flash mob molto popolare all'epoca.
Ma torniamo a noi.
Come tutti gli studenti universitari sanno, la sessione estiva è quel mostro che resta in agguato tutto l'anno, nascosto tra gli appunti, acquattato tra le pagine dei libri che osserva malefico con occhi taglienti lo studente. Lo assale quando è più vulnerabile, in luoghi oscuri e senza scampo. Le aule studio e le biblioteche sono il suo terreno di caccia, può essere visto da giugno a luglio aggirarsi liberamente tra le enormi scaffalature delle biblioteche, tra le aule universitarie, pronto a ghermire la sua prossima preda.
Esiste un unico rimedio contro la sessione estiva...ed è lo studio. Ok, ognuno ha i suoi metodi di studio, tendenzialmente però per battere la sessione estiva ci vuole molto studio, fin troppo anche...
Di conseguenza se si vuole studiare non bisogna avere distrazioni, per non avere distrazioni bisognerebbe vivere nella Stanza dello Spirito e del Tempo come in Dragon Ball, questo è il trucco per una preparazione ottimale.
Ma a noi cosa importa della preparazione migliore per un esame? Siamo in estate, ci sono 40 gradi all'ombra col 60% di umidità, solo a muoversi sembra di galleggiare in un altoforno di un'acciaieria...diciamocelo, con che coraggio studiamo?
Ma si deve studiare lo stesso.

Io costituisco un'eccezione, non so se per il gusto del rischio o per l'incoscienza nuda e cruda, tuttavia ogni volta che qualche esame consistente è alle porte io mi diletto nel trovarmi passatempi via via più time-consuming (tranne per agosto, quando dovrò mettere la catramina sul tetto del garage, speriamo sia bel tempo!). Allora quale trastullo migliore di un videogioco? 


Fra tanti videogiochi, Skyrim è sicuramente uno dei più time consuming che il genere umano abbai mai creato. Parti con una quest e un'ora e mezza dopo ti ritrovi con altre dieci missioni aperte, cavalcando al tramonto verso un covo di ladri sbattendotene altamente di quello che dovevi fare all'inizio.
Inoltre Skyrim non è quel classico gioco del tipo: massì, 10 minuti e poi torno a studiare. Una volta che inizi...è finita.
Tuttavia, Skyrim mi ha salvato la vita, o meglio i nervi. Benché la scelta di re-installarlo settimana scorsa, cioè a meno di 7 giorni dall'orale di fisica, sia stato un qualcosa di altamente discutibile; in verità questo preziosissimo capolavoro di computer grafica mi ha reso possibile un lungo rilassamento serale pre-esame, incredibile ma vero. Ecco la mia storia:

Venerdì 21 Giugno dovevo sostenere l'orale di Fisica 1, quella fisica, la famosa fisica...sì insomma avete capito Newton, Bernoulli, D'Alambert e compagnia bella. Ecco, di giorno ero preso nel mio studio matto e disperatissimo, tant'è vero che ho disertato spesso la palestra. Ora, voi direte: tutto questo chiasso per un orale? Ma che ti prende? Non sai parlare l'italiano per caso?
Voi non conoscete il mio docente di fisica, che per carità, pur essendo una validissima e ottima insegnante, ha quel non so che di inquietante, soprattutto quando la si fissa direttamente nei suoi occhi azzurro ghiaccio. Essendo molto severa e precisa, ci tiene molto affinché i teoremi e le dimostrazioni vengano descritte in modo esaustivo; di conseguenza non è disposta a transigere quasi su niente all'orale...ma vabbé, ognuno ha i suoi metodi no?
Sta di fatto che, studiando e disertando la palestra, mi trovavo momentaneamente sprovvisto di una valvola di sfogo; tra l'altro essendo anche single non potevo sfogare la mia frustrazione con continui piagnistei al telefono. Una sera stavo rovistando tra le varie cartelle della mia memoria esterna, ad un certo punto noto: TES V: Skyrim. E la Madonna, ce l'ho ancora in memoria? (e sì cari miei, l'ho messa nel culo a quelli di Steam), allora ci penso un attimo e dico...beh dai proviamo a reinstallarlo, tanto 10 minuti e poi esco.
Erano le 21:22 quando l'ho avviato, alla 1 di notte stavo salvando e uscendo dal gioco.


Potete ben immaginare i sensi di colpa, visto che quella sera (che in realtà era mercoledì) avevo in programma di ripassare il moto armonico smorzato e le oscillazioni forzate! D'altro canto mi sentivo anche piuttosto appagato, l'aver dato mazzate a destra e a manca, tirando giù draghi e salvando fanciulle in difficoltà mi ha messo di buon umore. Così ho continuato la mia terapia serale a base di Skyrim e Venerdì mattina sono andato fresco e rilassato all'esame orale. Devo dire che mi è andato bene, un 25 così su due piedi non si rifiuta certo (soprattutto se lo si da ad uno come me che alle superiori aveva la media del 6 risicato nelle materie matematiche).

Questa è una storiella a lieto fine, certo poteva andarmi anche peggio, visto che gli sventurati che hanno subito l'orale al mattino sono stati bocciati tutti o quasi. Così nell'impeto della gioia mi sono messo a fantasticare ed ho realizzato che, in fin dei conti, se Skyrim esistesse davvero non sarebbe poi un brutto posto in cui vivere, ciò per diversi motivi:

  • Hai miglia e miglia di spazio percorribile, senza che nessuno ti rompa le palle. 
  • Vuoi stare da solo? Vai a Hrotgar Alto, anche se ci sono i monaci tanto non ti parlano.
  • Ti piace la vita agreste? Prenditi un pezzettino di terra fuori Whiterun e coltiva!
  • Ti piace il profumo della legna appena tagliata? Armati di accetta e olio di gomito e spacca la legna per la gloria di Skyrim! Oppure divertiti a caricare tronchi nelle segherie e tira la leva del mulino.
  • Sei un appassionato del trekking? Skyrim è perlopiù montagnosa, quindi ci sono tanti sentieri e stradine da percorrere in lungo e in largo.
  • Sei uno speleologo alle prime armi? Le grotte non mancano mai, occhio ai banditi e ai Falmer però.
  • Non hai ricevuto la tua lettera per Hogwarts? Basta avere un minimo di talento e dirigersi a Nord a Winterhold, dove troverai la migliore (e unica) Accademia di Magia.
  • Ti piace l'avventura e non disdegni di sguainare la spada ogni tanto? Unisciti ai compagni a Jorrvaskr.
  • Credi nella causa di Ulfric Manto della Tempesta? Unisciti alle sue truppe...oppure se sei un fedele all'Impero puoi sempre arruolarti nella Legione.
  • Ehi pssst...dico a te...vuoi guadagnare qualche soldino in modo poco pulito? Si dice che la Gilda dei Ladri stia cercando personale qualificato.
  • Se hai almeno venti dita di peli sullo stomaco puoi sempre darti al banditismo oppure entrare nella Confraternita Oscura. Certo non lamentarti se poi ti ritrovi col collo sul ceppo del boia.
  • Sei un cacciatore professionista? Lo sanno tutti che le lande di Skyrim sono piene di prede. Occhio ai mammut dei giganti però!
  • Se sei uno sfaticato e ami stare in panciolle tutto il giorno scegli una delle tante taverne e inizia a fare gare di bevute.
  • Vuoi andare a sciare? Dicono che Winterhold sia un posto stupendo per le settimane bianche.
  • Se invece preferisci l'ambiente lacustre, sorseggiando del buon idromele, puoi sempre fare un salto a Riften, occhio al portafogli però!

Matt - Il Locandiere

Nessun commento:

Posta un commento